Rischio sismico

Il rischio sismico può essere definito come l’insieme delle potenziali perdite, espresse in termini di vite umane e perdite economiche, che potrebbero verificarsi in caso di terremoto.

Come viene calcolato il rischio sismico?

Rischio = Pericolosità x Vulnerabilità x Esposizione
Pericolosità
La pericolosità sismica di un territorio è rappresentata dalla frequenza e dalla forza dei terremoti che lo interessano, ovvero dalla sua sismicità. Viene definita come la probabilità che in una data area ed in un certo intervallo di tempo si verifichi un terremoto che superi una soglia di intensità, magnitudo o accelerazione di picco (Pga) di nostro interesse.
Vulnerabilità
La vulnerabilità sismica è la propensione di una struttura a subire un danno di un determinato livello, a fronte di un evento sismico di una data intensità.
Esposizione
Per esposizione si intende il numero delle persone coinvolte, decedute e/o ferite in un determinato evento sismico. Il primo obiettivo di un programma generale di protezione dai terremoti è la salvaguardia della vita umana. L’esposizione dipende dal grado di antropizzazione, ovvero dalla densità abitativa e demografica e dalla quantità dei beni esposti.
ShakeApp

Terremoti in Italia


L'80% del territorio italiano è ad alto rischio sismico *
Ogni 5 anni si verifica un terremoto distruttivo *
L’Italia, in seguito alle caratteristiche geologiche del suo territorio, è uno dei paesi a più elevata sismicità nel pianeta.
Ogni anno i sismografi registrano migliaia di terremoti, di cui fortunatamente solo un centinaio sono di magnitudo percepibile anche dalla popolazione.
Gli eventi caratterizzati dalle maggiori magnitudo che raggiungono una potenza distruttiva, sono contraddistinti da una certa ciclicità negli anni, e corrispondono al “tempo di ricarica” dell’energia da parte del sistema tettonico che ha generato il movimento ed il conseguente sisma.
Terremoto Anno Danni **
Valle del Belice 1968 9 Mld di Euro
Friuli Venezia Giulia 1976 18 Mld di Euro
Irpinia 1980 52 Mld di Euro
Marche - Umbria 1997 13 Mld di Euro
Puglia - Molise 2002 1 Mld di Euro
Abruzzo 2009 13 Mld di Euro
Emilia Romagna 2012 13 Mld di Euro
Sisma Centro Italia 2016 23 Mld di Euro
Oltre 140 Mld di Euro in 50 anni
* Dati INGV
** Elaborazione Centro Studi CNI su dati Ufficio Studi Camera dei Deputati, Regione Emilia Romagna, Commissario delegato per la ricostruzione, Presidente della Regione Abruzzo. Valori attualizzati al 2014 e ANSA
immagine
Terremoto del Belice, 1968
immagine
Terremoto del Friuli, 1976
immagine
Terremoto dell'Irpinia, 1980
immagine
Terremoto Marche - Umbria, 1997
immagine
Terremoto Puglia - Molise, 2002
immagine
Terremoto Abruzzo, 2009
immagine
Terremoto Emilia Romagna, 2012
immagine
Sisma Centro Italia, 2016

Vuoi saperne di più?

Se sei interessato ShakeApp lascia i tuoi dati, il nostro team ti richiamerà per darti maggiori informazioni.